Continuando ad usare questo sito dai il consenso all’uso dei cookies

Luoghi di interesse

Cà de la Canonica

Tratto da: "Garlate, conoscere e inventare insieme un paese" di P. De Gradi.

Vi si accede tramite una portina con tabernacolo, con Madonna e Gesu’ Bambino, del tardo Ottocento. Il nome, che indica pure la relativa zona a lago visibile dal piccolo ballatoio cui si accede tramite la scala sulla destra, deriverebbe dal fatto che la costruzione dell’edificio risalente al 1500, era abitazione dei canonici.

La parte inferiore del fabbricato, detta tinera, si ritiene fosse una delle quattro chiese esistenti alla fine del XVI secolo a Garlate: S. Agnese. Le altre tre erano: S. Stefano, S. Vincenzo e S. Damiano. La chiesa di S. Agnese fu distrutta alla fine del 1500 in quanto pericolante ed il Cardinale Borromeo ordino’ il trasferimento della prepositura ad Olginate.

Ancora oggi e’ viva nella memoria di molti la presenza in questa zona di Candida, che vi lavorò tra il 1800 e il 1900.

Era insegnante di lavoro, di giorno per le ragazze più giovani e di sera per le donne che lavoravano in filanda. Insegnava catechismo ai bambini e riordinava i preziosi paramenti della chiesa.

Tutti lavori che furono svolti in seguito dalle suore, arrivate in paese nel 1927/1928.