Continuando ad usare questo sito dai il consenso all’uso dei cookies

Le Corti di Garlate

Curt de la Maria in Sòmm

Tratto da: "Garlate, conoscere e inventare insieme un paese" di P. De Gradi.

Siamo in tanti a ricordare il vecchio portone tarlato-perlinato come il nuovo-che si pensa fosse del 1800.

L’arco del portone ha, ai lati, due affreschi rappresentanti l’Annunciazione, in riquadri di cotto: a sinistra l’Angelo, a destra la Vergine in ginocchio probabilmente del secolo XVII, indicava un augurio a chi s’avvicinava alla casa, come se dovesse portare (o ricevere) "una buona novella".  E’ bello notare come la costruzione, nel suo complesso sia volta a Levante. Storicamente "risulta che mai ci fosse (qui) un convento; le dicerie di tal genere sono diffuse e spesso legate alle raffigurazioni pietose o religiose che non vengono più comprese in tempi recenti".

Le varie modifiche  subite attraverso i secoli per trasformare la casa contadina in abitazione di tipo odierno ne hanno alterato soprattutto l’interno; se ne conservano alcune strutture e una certa atmosfera. Da notare poi lungo il perimetro della costruzione le pietre di cava  sporgenti e, nell’interno, un pozzo da parete, ora inutilizzato. All’interno della corte, dalla parte aperta, si gode, quasi come in un quadro, della suggestiva visione del Monte Barro.